Le poesie

Progetti matrimoniali

di Nino Del Duca

18-05-2008

Una bella famiglia, un po' all'antica
e molto nota a tutto ‘o vicinato,
‘o pate, ‘a mamma e un figlio ancora scapolo
ca nonostante tene già trent'anne
sta ancora in casa cu papà e mammà.

‘E chisti tiempe ‘o fatto nun è raro,
‘a giuventù nun è cumme ‘na vota
ca appena ca arrivavano e vint'anne
o in pompa (si ce steva ‘a lira)
o pe' mancanza ‘e mezze, aumma aumma,
decidevano ‘nzieme ‘na "fuiarella"
e po', passate ‘e strille e ‘o poco ‘e scuorno,
coronavano ‘o suonno e se spusà.

‘O pate, (‘nu bell'ommo che ai suoi tempi
era stato smaniuso e arrobbacore)
ripete al figlio: "Tu ti ha sistimà,
sposati ‘na guagliona seria e oncata,
pe' tutte ‘e spese, cca' ce sta' papà.

‘O figlio, titubante, guarda ‘o pate
e, con timore, dice: " ‘A tengo già,
è molto bella, però la famiglia
staà ‘e piere ‘e ddio, e ‘a mamma, puverella
fa ciente e uno mestiere pe' campà'>

"Ma tu ‘a vuò bene? Chest'è ‘o necessario.
E sorde nun so' niente a fronte ‘o core,
chello ca conta è che nel matrimonio
marito e moglie s'hanna rispettà.

Dimme, comme se chiamma? - "Gelsomina"
e ‘a mamma? - "Onna Cuncetta, ma da giovane
tutte quante ‘a chiammavano Frufrù".

"O pate, ‘a ca teneva ‘a faccia a riso,
diventa serio e poi, rivolto al figlio
gli mormora: "Tu nun t'ha puù spusà...
...perchè questa ragazza è tua sorella.
(‘Na scappatella di tanti anni fa'...).

Mi raccomando, nun arapi' ‘a vocca,
sinò tua madre, quella santa donna
ca a' tutta casa e Chiesa, certamente
p'o dispiacere, putesse sfrennesià".

"Papà, ma io l'amo! - "Trovatenne a ‘n'ata
fore quartiere, sino ‘o vicinato
(da sape ‘o fatto) se mette a murmulià".

‘O figlio, dispiaciuto, va adda mamma
e le racconta la sua infelicità:
"Mamma', io ‘a voglio bene a Gelsomina
ma papà ha ditto ca l'aggia lassà".

"Ma quanne maie! - E nun te preoccupà...
Io l'ho sempre saputo che tuo padre
m'ha fatte ‘e corne ‘a quanno m'o spusaie!
Io ce chiagnette ‘a coppo pe' ‘nu poco
po' pe' dispietto, mi levai lo sfizio
di un dolce "tete a tete" cu ‘o cumpare.
Se Gelsomina è figlia al mio consorte
io t'aggio fatto senza il suo intervento.
Chesta guagliona non è tua sorella,
a Gelsomina tu t'a puo' spusà.

Ma statte attiente a non le fa maie ‘e corne,
perchè noi donne, sin dall'antichità
è risaputo, nun ce ‘a tenimmo ‘a posta
e ‘a conseguenza ‘o ssaie quale sarà...
Si nun ‘e vuò, tu cerca ‘e nun'e fa'.

Il palinsesto di oggi