Le poesie

La festa della Repubblica. 2 giugno 2008

di Nino Del Duca

01-06-2008

Siciliani, friulani, calabresi,
napoletani, sardi, piemontesi...
Insomma, tutti quanti nui Italiani
ca stammo ccà in America, luntano,
tenìmmo sempe, ‘nchiusa dint' ‘o core
la nostra Italia, ‘nzieme al primo amore.

Cominciare così questo discorso
può sembrare retorico e antiquato
solo a chi crede (e sbaglia) che alla gente,
della sua Patria non gli importa niente.

E invece no - Sia pure stà luntana,
‘a vulìmmo assai bene overamente
e ci dispiace si a chistu mumento
ce stà qualcosa ca và malamente.

Ma ‘o Console, ca è ‘nu simpaticone,
sempe cu ‘o pizzo a riso e ‘a vocca doce,
ci ha rincuorato e, con soddisfazione,
ha mìso ‘o punto ‘e cumm'è ‘a situazione.

"L'Italia d'oggi - ha ditto - è ‘na nazione
degna del suo passato e che, al presente,
mentre la festeggiamo, ‘sta Repubblica
è amata e rispettata dalle genti."

So' passati tant'anni da quel giorno,
da quel 2 giugno.  Ìo allora ero guaglione,
ma ‘a gioia di quei momenti l'ho vissuta,
‘a tengo ‘nnanze all'uòcchie ancora mò.

I cortei, le bandiere, una fiumana
di gente emozionata ca chiagneva,
però cu ‘a faccia allèra.  Se senteva
un immenso frastuono ca stunava
e, tutt'attuorno, ‘o popolo cantava.
Era tutto ‘nu coro, e dint' all'aria
saglieva ‘na parola "ITALIA ,,, ITALIA..."
Da allora la Repubblica è cresciuta
e, come tutte quante le nazioni,
tène qualche problema.   Ma che fà?
"Àdda passa' ‘a nuttàta" dice Eduardo -
"dimàne ‘o sole turnarrà a spunta' ".

Chello ca conta, è ca è unito ‘stu Stivale
e gli Italiani, dalle Alpi alla Sicilia,
sono compatti nel volerlo tale.

Queste sono occasioni che ci legano,
ca nuie Italiani nun c'ìmma fa' manca'.

Pure in futuro (quando sarò in Cielo...)
scèngo ‘a llà ‘ncoppa e ‘a vengo a festeggia'!

Il palinsesto di oggi