Le poesie

Che d'è ‘a felicità

15-06-2008

"Mi sono chiesto, pensando al mio passato,
se ho mai incontrato la felicità."
Vicienzo dice, mente fà marènna,
al suo amico Ciccillo, che lo ascolta
con espressione alquanto preoccupata.
(Già ‘o ssape ca Vicienzo, certamente,
qualche domanda strèveza ‘o vo' fa').

"Cicci', secondo te, m' ‘o ssaje spiega'
in che consiste la felicità?

Àggio guardato ‘int' ‘o vocabolario,
c'è scritto solo che è l'appagamento
dei desideri, un senso di benessere,
ma a me me pare ca nun pò abbasta'.

Certo, s'io tengo famma so' infelice,
ma ‘sta marènna nun è ‘a felicità.
Quanno me bevo ‘nu miezu litro ‘e vino
me sento allèro, ma ‘o vino che me dà?
‘Nu poco ‘e cuntentezza ca po' passa,
ma ‘a cuntentezza nun è ‘a felicità.

Così pe' tutt' ‘e ccose materiali,
pure se sei ‘o cchiù ricco ‘ncopp' ‘a terra,
ce stà sempe qualcosa che ti manca,
quel "non so che" ca tu nun sai addo' stà."

"Vicie', tu, come al solito, le cose
le vedi sempre in modo complicato,
chella ‘a felicità non è un oggetto
ca vaje dint' ‘a putèca e ‘a può accatta',
è solo un'illusione, non esiste.
Credi di averla quando ‘e circostanze
te fanno vede' ‘o munno meno grigio,
e nun è ca ce vonno grandi cose,
abbasta ca si chiove e tien' ‘o ‘mbrello,
tu sì felice  ‘e puterte arrepara'.

La nostra vita, questo è il mio parere,
è un susseguirsi di eventi in equilibrio.
‘O bene e ‘o male, ‘ncopp' ‘o stesso filo,
stanno mmiscàte ‘nzieme, e quando il caso
(molti lo definiscono "Il Destino")
rompe quest'equilibrio, po' succère
ca l'uno o l'altra piglia ‘o sopravvento
e te siente felice o staie scuntento.

Siènteme a me, quello che tu mi hai chiesto,
nisciùno l'ha saputo mai spiegà.
Filosofi, scienziati, tutte ‘e meglio
ca sanno  "a lecca e ‘a  mecca"  hano tentato
ma ‘o risultato è sempe chillu llà.

Forse sulo ‘e poeti e i sognatori
se songhe avvicinati ‘a verità,
quanno, dicènne la parola "AMORE
per Chi dal nulla generò la Vita,
per  il Creato e per l'Umanità"
hanno espresso un concètto illuminante:
‘Ncopp' ‘a ‘stu munno, se non c'è l'AMORE,
nun può truva' manco quelle emozioni
che nuie dicìmmo ca è ‘a Felicità".

(...e lascia ca te dico ‘n'ata cosa:
leva ‘stu fiasco ‘e vino ‘a copp' ‘a tavola...
Quanno tu bevi acumiènce a sfrennesia'
e sfutte a me con queste tue domande
alle quali ‘a risposta nun ce stà).

Il palinsesto di oggi