Le poesie

Capelli bianchi

di Nino Del Duca

24-08-2008

Io me tegno ‘e capille - Sissignore,
che c'è di male? Tanta ggente ‘o ffà.
Avere cura per il proprio aspetto
è un gesto di rispetto per se stessi
e per coloro ca ce hanna guardà.

Prima di attuare questa decisione
ce aggio pensato, ho fatto ‘o paro e ‘o sparo,
ed ho deciso ca ne valeva ‘a pena
per evitare che parenti e amici,
con i loro sfottò molto pungenti,
turbassero la mia tranquillità.

Quando, passata ‘a gioventù, t'adduone
che molte cose date per scontate
non funzionano cchiù comme n'a vota,
cominci a preoccuparti, e cirche ‘e mezzi
pe' salvà perlomeno l'apparenza
pirciò, pure se molto a malincuore,
chesta tintura ‘a forza l'aggia fà.

Pure mia moglie mi diceva: "E' assurdo
che tu ti ostini a nun t'a vulè fa',
è inutile ca faie ‘sta faccia appesa,
‘a colpa non è ‘a toia, ma dell'età.
Vicino ‘e rughe ‘nfaccia e ‘a pelle floscia
chisti capille so' ‘na cosa oscena,
pare ‘nu mascherone ‘e Carnevale.
Deciditi a levà ‘sta frasca ‘a miezo,
così nisciuno te pò sfruculià..."

Il mio corpo è invecchiato normalmeente
e... molte cose che facevo un tempo
‘a tantu tiempo non ‘e faccio cchiù...
Ma accetto la mia età, non me ne ‘mporta
si tengo ‘e rughe e ‘a pelle s'è ammusciata.

Sulamente e capille so' un problema
perché pe' qualche scherzo dei miei geni
(è una faccenda di ereditarietà,
pure a mio padre succedette ‘o stesso)
i miei capelli sono ancora neri
nonostante la mia avanzata età.

‘A ggente commentava: "Nun stà bene,
vuie site viecchio e ‘sti capille nire
tradiscono la vostra vanità!
Nun v'e tignite cchiù - E' una cosa sciocca
ca sulamente ‘e scieme ponno fa' ".

Perciò, per evitare ‘sti discorsi
per me offensivi e farme rispettà,
ogne semmana vaco add'o barbiere
ca me tegne e capille tutte bianchi.

A me scoccia (ed è pure costoso...)
ma pe' campà cuieto in santa pace
‘e vvote è meglio a fa' tutto ‘o cuntrario...
Prima non m'e tignevo e me sfuttevano,
mò ca m'e tegno ‘a ggente me rispetta
e ho riacquistata la serenità.


Il palinsesto di oggi