Le poesie

Uomini e donne

di Nino Del Duca

17-04-2010

I' mò dich' i', si ‘a ggente ce pensasse

fernèssero le accese discussioni,

i malintesi, ‘e prese ‘e posizione

su un argomento sempre vivo e attuale

del quale si può dire il bene e ‘o male.

 

LA PARITÀ DEI SESSI - "E femministe

s'appìcciano cchiù peggio ‘e ‘nu vrasière:

"Nuie simme state sempe bistrattate,

l'uòmmene ce hanno fatto sempe fesse,

ce hanno arraugliate parlandoci d'amore,

e, con la scusa ca simmo ‘o sesso debole,

ce n'hanno fatte ciento e uno culore.

 

Mò basta.  Nell'odierna società

‘e ffèmmene lle spetta ‘a parte lloro

in ogni campo.  In casa, sul lavoro

e anche nel sesso, aìmma fa' mità e mità"

 

‘E màscule, sentènno ‘sti parlate

protestano: "Ma addo' sìmme arrivate?

A ro' so' asciùte tutte ‘sti pretese?

Chi l'ha cacciate chesti nuvità?

 

‘A quanno ‘o munne è munne, è sempe l'ommo

c'affronta ‘a vita e le sue avversità.

Per la sua donna e per i suoi bambini

si sacrifica, suda, se fà accìdere...

E pirciò è isso c'àdda cumanna'."

 

Io rido quando sento a cierti tizie

ca dicono: "Io mi sento superiore

pecchè so' omo e saccio c'aggia fa'..."

E rido ‘o stesso, quanno qualche femmena

proclama: "Sìmmo nuie chelli cchiù meglie,

pecchè nuie ve ‘mparammo a cammena'..."

Nisciuno àve ragione...e manco tuorto,

chìsti discorsi nun s'avèssena fa',

nun c'è mutivo pe' 'st'appiccecate...

 

È inutile cercare di cambiarla,

Madre Natura (nun ‘a può ‘mbruglia')

ha dato a ognun'e nuie, mascule e femmene,

un compito preciso e indiscutibile,

un ruolo esatto ca nun se pò cagna'.

 

Bisogna che la segui nel suo corso

si ‘a cuntrariammo facìmmo sulo guaie...

Uomini e donne, la valenza è uguale,

ma questo non significa per niente

ca putìmmo fa' ‘e ccose tale e quale,

I nostri ...attrezzi sono differenti.

 

Sìmme ‘e ddoje facce d' ‘a stessa medaglia

(che non esiste cu' ‘na faccia sola)

pirciò, facìmmo ognuno ‘a parta nosta

e vulìmmece bene, ricordandoci

ca ‘n ommo, senza ‘a fèmmena, è nisciuno,

è ‘na varca sperduta mmiez' ‘o mare                                                                                         

e ‘na fèmmena sola, senz' ‘o masculo

è cumme ‘na chitarra senza corde,

è bella,  però suono nun ne dà.

 

(Qualcuno mi può chiedere - e ha ragione-

"Ma chilli llà ca songhe mièze mièze

che ruolo hanno? Che n'avìmma fa'?"

Certo chest'è ‘na cosa da discutere,

molto importante, se n'hadda parla'

e lo faremo qualche vòta ‘e chesta,

pe' mò dicìmmo ca ce songhe frate

e, come tali, l'avìmma rispetta').

 

Il palinsesto di oggi