Le poesie

I tulipani

di Nino Del Duca

02-05-2010

‘Nu fazzuletto ‘e terra, dduie o tre metre

annanze a ogni casa.  Dint' ‘a strada mia

chi sà pecchè, se songhe data ‘a mano,

quase tutte hanno miso ‘e tulipani.

 

Ogne sera, quanno ‘o sole tramonta,

vide ‘a ggente c'annaffia, ca pulezza

con molta cura ‘sti muorze ‘e ciardine

e con gesti che sembrano sacrali

tocca ogne piantulella ca è sguigliata

come a ‘nu figlio c' ‘a vo' accarezza'.

 

Pur'io faccio lo stesso, ma ogne tanto

faccio ‘na sosta, m'aggia arrepusa'

(non è indolenza, è colpa dell'età)

e guardo e ammiro tutti chilli sciure

annanz' ‘e porte, ‘n'armunia ‘e culure,

e penso che l'amore per il nido,

p' ‘a casa nosta,  p' ‘a fa' pare' cchiù bella,

ce fà affrunta' qualunque sacrificio,

e, molto spesso, pe' farla cchiù accogliente,

su tutt' ‘o riesto vedìmme ‘e sparagna'.

 

Po' me ne trase dinto e, mentre ceno,,

sento ‘e nutizie d' ‘o telegiornale.

Però, che saccio, nun me ne veco bene,

me passa quase ‘o genio d' ‘o mangia'.

 

Vedo colonne di diseredati

che vanno, i visi affranti dal dolore,

verso un destino sconosciuto e amaro.

Ognuno ‘e lloro aveva la sua casa

e forse, ‘annanze ‘a porta ‘o ciardeniello

pieno di fiori, ‘ntiempo ‘e primavera...

 

Ma so' state abbruciate chelli case

e, for' ‘e porte nun ce stanno ‘e sciure

ma qualche macchia rossa, rossa ‘e sanghe

‘e chi il suo nido cercava ‘e nun lassa'.

 

‘O rieste, rassegnati ed impotenti

-l'hanno cacciati a forza ‘a dint' ‘e ccase -

cammìnano, ‘nu passo doppo a ‘n ato,

e, spierze, vanno   ...ma nun sanno addo'.

 

Forse so' scemo, pecchè nun serve a niente

ma àggio deciso, senza aspetta' dimane,

vaco a spianta' ‘e tulipani russe

e al loro posto ce lascio sul' ‘o prato

verde, cumme ‘a speranza ca qualcuno                                   

riesce a stuta' ‘o ffuoco ‘e chesti guerre,

‘o sparpètuo, ‘o calvario ‘e chisti popoli,

chest' ‘ata croce per l'Umanità.

 

Il palinsesto di oggi