Le poesie

Consiglio (non più valido)

di Nino Del Duca

09-05-2010


 

Quanno vìre a ‘na fèmmena cianciosa

ca te fà ‘o pizzo ‘a riso e dice "sì"

nun te mena' mai ‘e capo, statte attiento,

pecchè nun saje comme pò gghi' a ferni'.

 

Chistu consiglio ‘o dongo a mio nipote

ca mò tène vint'anne e vo' campa'...

(e àve raggione, pur'i' ero smaniuso

quanno tenevo la sua stessa eta').

 

‘E femmene - lle dico - so' ‘nu zucchero,

ma songhe ‘nu pericolo assai gruosso,

quanno tu care dint' ‘e granfie loro

è cumme si carìss' ‘int' a ‘nu fuosso.

 

Però, si truove a ‘na guagliona onesta,

brava e gentile, nun t' ‘a fa' scappa',

parla cu' ‘a mamma e ‘o pate, cacce ‘e ccarte

e astìpete ‘e denare pe' spusa'.

 

‘O no' - che vai dicenno - m'ha risposto -

è meglio che t'aggiorni . ‘Stu parla'

era buono p' ‘e tiempe ‘e Pappacone,

il rapporto tra i sessi ora è diverso,

si agisce con maggiore libertà.

 

Ogge ‘e guaglione sono molto esperte,

nun stanno chiuse in casa a ricama',

sanno tutto d' ‘a vita e, senza scupoli,

si tu lle piace, se vèneno a cucca'.

 

Io ne cunosco tante, ca me chiàmmano

pe' passa' ‘nzieme il "FINE SETTIMANA"

Portano dint' ‘a borsa ‘e profilattici

e nun tèneno genio ‘e se spusa'.

 

Mentre ca parla io penso ‘e tiempe ‘e quanno

esisteva il pudore, ‘a dignità

e la poesia nei fatti dell'amore,

cose distrutte dal concetto odierno

 

che il sesso non è più quel dono immenso

che consacra l'amore e dà la vita,

ma solo un modo di passare il tempo,

un fatto che ha pochissimo valore,

cumme è quando te prore e ti ha ratta'.

 

Il palinsesto di oggi