Le poesie

‘E panne spase

di Nino Del Duca

22-05-2010

Tempo fa ve parlàie d' ‘e panne spase

ad asciugare fuori dei balconi

per suscitare in voi qualche sorriso,

e pure oggi vi parlo ‘e ‘st'argomento

ma, chesta vota, pe' ve fa' penza'.

 

Com'è normale, se c'è un avvenimento

d'importanza mondiale, ogni Governo

si organizza e, pe' ffa' bella figura,

studia ogni aspetto, ogni particolare.

 

Che saccio, sul percorso c'è un palazzo

brutto ca nun se pò modifica'?

"Copritelo cu' ‘na facciata finta!"

(‘a stessa cafonata, tale e quale,

ca facètte, a suo tempo, Mussolini

che col suo socio vuleva sbruffunia').

 

Si tutte ‘sti perzone altolocate

aìzano ll'uocchie mentre ca passeggiano,

vedono ‘na filera ‘e panne spase,

calze, mutande, panciere, reggipetti,

che figura facciamo? È inconcepibile...

 

Subito un'ordinanza: "‘Sta semmàna

‘e panne spuorche nun s'hanna lava',

for' ‘e balcune nun ce pònno sta'".

 

Così tutte le cose che appartengono

solo all'aspetto, alla coreografia,

sono state curate e programmate

da questi governanti, poco esperti

nel valutare i rischi ed i pericoli

che hanno creduto, con faciloneria,

ca ‘e cancielle, ‘o cemento, ‘e poste ‘e blocco,

putèvano ferma' i  facinorosi

che cercano soltanto dei pretesti

per mostrare, bruciando e distruggendo,

la  forza cieca dell'imbecillità.

 

Bisognava fermarli in tempo debito,

erano noti, gente già schedata,

e non ingenerare la paura

(con ordini sbagliati, chist'è ‘o fatto,

alle forze dell'ordine, encomiabili)

nelle migliaia di giovani ca cercano

cantànno e, cammenànno mano a mano,

di far capire ai Grandi della terra

ca ‘o munno nun pò essere sultanto

terra ‘e conquista, ma appartiene pure

a tutto ‘o riesto dell'umanità,

a chi cu' ‘a famma se scèta (e po' se cocca),

a chi è malato e nun se pò cura'.

 

‘E panne spase? A me danno allegria,

 

Il palinsesto di oggi