Le poesie

Caldo e nostalgia

di Nino Del Duca

30-05-2010

Un' ‘e chelli ghiurnate ca ‘o calore

‘nfoca ‘e riggiole ‘nterra dint'‘e ccase,

decidètte ‘e me fa' ‘na cammenata

vicino ‘o mare, pe' me refrisca'.

 

Io me ne fosse jut' a Margellina

ma me truvàve ‘a part' ‘e Brucculìne

(e siccome pe' ‘mmiezo ce stà ‘o mare,

nun era cosa d'arrivarce a ppere...)

di Coney Island m'avette accuntenta'.

 

Pe' chi tène int' all'uocchie ‘o panorama

ca se vede si stai sul lungomare

o ‘ncopp' ‘e scuoglie, ‘nnanze ‘a "Zi' Teresa",

non è la stessa cosa, però ‘o mare

è bello ovunque - ‘O mare è sempe ‘o mare -.

 

Calmo o ‘ntempesta, nun se ‘mporta ‘e niente,

pecchè nisciuna cosa ‘o pò cagna'.

‘O tiempo passa, e pure ‘e ccose e ‘a ggente,

ma isso llà stève e sempe llà starrà.

 

Quanno tu guarde l'onne ca pazzèiano

l'una cull'ata, se calmano ‘e penzière,

si tiene qualche guaio, t' ‘o fa' scurda'...

Te fà penza' ca nuje nun simme niente,

sulo ‘na goccia nell'Immensità.

 

M'appoggiai alla ringhiera sovrastante

la spiaggia, come sempre brulicante,

‘nzeppata ‘e ggente che, con semplicità,

comme si fosse stata ‘a casa sòja,

se spugliava all'aperto, senza scuorno,

mostrando al mondo le sue nudità

foruncolose.  Panze, pietto, cosce...

Pareva cumm' ‘a mostra d' ‘o chianchiere,

quando (adesso è vietato), ‘e tiempe antiche,

appennèveno ‘e quarte fòr' ‘a chianca

e tu, vedènno chella carne rossa,

assalita da nugoli di mosche,

provavi come un senso di ripulsa

e autàve ll'uocchie pe' nun ‘a guarda'.

 

Per me, ve lo confesso, lo spettacolo

di quei corpi che al sole si arrostivano

era una cosa oscena... (Forse ho torto,

‘a ggente, quanno sente troppo càvere,

tène tutt' ‘o diritto ‘e se spuglia'

e, dopotutto, nun fà niente ‘e male)

...pirciò volsi lo sguardo all'orizzonte.

 

Proprio ‘a chell' àta parte ce stà Napule

e la mia gente, ca, nonostante ‘e guaje,

non ha perduto la sua gioia di vivere

e con le sue canzoni appassionate,

ancora tutt' ‘o munno fà sunna'.

 

Scennètte ‘ncop' ‘a spiaggia e, sulla riva,

carezzàie ll'acqua e lle dicètte: "Và,

chesta carezza mia puòrtala a Napule,

dille ca  so' felice ‘e senti' ‘e dìcere

ca s' è lluvàt' ‘a cuollo ‘o sciallo niro,

ca s'è scetàta e ca se dà da fa'.

 

Dìlle ca ‘a voglio sempe tantu bbene

e, si pure mò campo assai luntane,

cu ‘o core mio nun l'àggio mai lassàta

e, ‘mbraccia a essa, ‘e ‘na manèra o ‘e n'ata

(sperammo a Ddio da vivo e non da morto)

‘nu juorn'‘e chiste me vede ‘e riturna'.

 

 

 

 

Il palinsesto di oggi