Le poesie

‘O posto

di Nino Del Duca

06-06-2010

Mammà, àggio avuto "‘o posto".  Guaglio', grandezza ‘e Ddio,

certo sarranno state tutt' ‘e preghiere mie,

e dimme, cumm' è stato?  Nun ce pozzo penza',

chesta è ‘na Grazia grossa, ca sul'Isso ‘e ppò ffa'.

 

Mammà, che t'aggia dìcere., io, into a d' ‘o barbiere

cuntàie tutte ‘e guaie miei a don Luigi ‘o trammière.

Tra ‘e cunuscenze soie ce stà Donna Vicenza

‘nfermera ‘o Cardarelli, ronna di conseguenza.

 

A nomme ‘e Don Luigi io ce iètte a parla'...

"Si' troppo faccetuosto! ‘Sti ccose nun le ha fa'."..

Mammà, ma chella è vecchia, stà ‘ncopp' ‘a sissantina!

Io, cu tutte ‘e rispette, le cercaie ‘a merecina,

chella ca me serveva pe' me pute' sana'

‘a malatia cchiù nera: "‘nu posto" pe' campa'.

 

Essa me zenniàie, io m'accustàie vicino...

"Guaglio' tu vaie all'inferno..." - Mammà, iètte vicino

pe' sèntere cchiù meglio... (penzàte sempe a male!

E po', cumme pò essere, stèvemo ‘int' ‘o ‘spitale...)

 

...e me dicette: "Siènteme, sì stato affertunato,

proprio oggi àggio pugnùto a ‘n ommo artolocato,

‘o Presirento in capo ‘e tutte le officine,

chelle ca mò hanno mìse ‘ncoppqa Capodichino..."

 

Ce so' gghiùto a primm'ora e ‘a lla' mò so' venuto,

Mammà, vièstete ‘a festa, ‘e ppene so' fernùte...

Donna Vicenza è grande.  Mannàto ‘a chella llà,

‘o Presidente, subito , m'ha mìso a fatica'.

 

"Guaglio', ma ‘e che se tratta, cumm'è chesta putèca?

Te putìsse fa' male cu ‘a fatica che ‘a fa'?"

Mammà, ma qua' putèca? Quella è cosa mundiala,

dice ca ‘e tutt' ‘e fabbriche è ‘a cchiù fenomenale...

 

‘Nce s'è mmìso ‘o Guverno p' ‘a fa' cchiù bella,

pecchè ‘int' ‘o Mièziuorno nuie simme puverielle...

A cierti ggente ‘e fore l'ha dato ‘o contributo

e lloro l'hanno fatta cu ‘e sorde c'hanno avuto.

 

"Guagliò, che vai ricènne, ca sìmme puverièlle

surtanto a mièziuorno? Cà è sempe ‘e ‘sta manèra..."

Mammà, cheste so' ccose ca nun ‘e puo' capi',

‘o Mieziuorno...,'nzomma ... è Napule, songh'ì.

...'Sta gioia m'ha frasturnato, me vaco arrepusa',

rimane, int' ‘a fatica, io voglio figura'.

 

‘O iuorn'appriesso, fore d' ‘o canciello,

mentr' aspettava pe' pute' trasi',

pusàie l'uocchie ‘ncoppa a ‘nu cartiello,

e ‘e llacreme scennèttono a pe' lloro,

pecchè ce stève scritto che "IL LAVORO

È SOSPESO DA OGGI - LUNEDÌ..."

 

Cuntrariato, addimannàie ‘o guardiano

ch'era succièso, pecchè steve ‘nchiuso

chillu canciello d' ‘e speranze soie...

 

"Giuvino', iatevènne... che aspettate?

‘A fabbrica ca maie ha funzionato,

‘o Giudice pe' ssempe l'ha ‘nzerrata!

È stato sulamente ‘nu pretesto

‘e ‘na chiorma ‘e mariuole ammanigliàte:

‘o pruggetto approvato, ‘o capannone,

‘a fora chesta bella cancellata

(‘o fummo dint'all'Uocchie).  ‘E miliardi,

s'hanno mìso ‘int' ‘a sacca... e so' squagliati".

 

Cumme ‘nu scemo, ripigliàie‘o cammino

ch'èva fatto cuntento, int' ‘a matina.

" e mò che l'àggia dìcere a mammà,

addo' trovo ‘o curagge ‘e ce ‘o cunta'?"

 

Ma ‘a mamma (forse ‘nu presentimento)

quanno ‘o vedette nun dicette niente,

ma s' ‘o strignette ‘mpietto e suspiraie:

" ‘E fine ‘e Ddio nun ‘e sapìmmo maie."

 

Abbelùto, chiagnènno, ìss' ‘a guardàie

e, cu ‘na voce rotta, l'imploraie:

"Mammà, dimmèllo tu, cumm'àggia fa'...

...Io nun vogl'i'arrubba'!

Il palinsesto di oggi