Le poesie

DALLA RACCOLTA DI NINO DEL DUCA. L'ULTIMA POESIA PUBBLICATA DA AO

di Nino Del Duca

12-06-2010

Sbattènno ‘a porta, ‘o pate se n'è asciuto

e, ‘e mmane ‘nfronte , ‘o figlio stà chiagnènno.

‘A mamma, cu' ‘na faccia dispiaciuta,

se torce ‘e ddete e stà senza parla'.

C'è stata ‘na scenata, pate e figlio,

chissa' ‘sta storia come finirà...

 

È accuminciata mente ca cenàvano,

‘a mamma ha chiesto al figlio: "Int' ‘o tiretto

aggio truvato ‘nu paro ‘e mutandine

nascoste tra le tue maglie di lana,

sono da donna, rosa cu ‘o merletto,

me lo vuoi dire che ce fanno llà?

 

‘O guaglione s'è fatto russo russo,

po', pigliànno ‘o curaggiop cu ddoje mane,

ha risposto:" Mammà, famm' ‘o piacere,

I' mò tengo vint'anne, so' crisciuto,

ti prego, ‘e ccose mie nun ‘e tucca'

e, pe' quanto riguarda ‘e mutandine,

sono un regalo, nun te preoccupa'."

 

‘O pate ha aizàta ‘a capa ed ha sorriso:

"Muglie', nun ‘o scuccia', c'ave raggione.

Tene vint'anne, è giovene, è fucuso...

A qualche guagliuncella ‘e vvo' ‘nfila'."

 

Ma ‘o figlio, con la voce un po' strozzata,

rivolgendosi al padre, ha ditto: "No!

È un regalo che m'è stato fatto

dal mio amico del cuore, ed io le indosso

quando mi trovo nell'intimità."

 

Cu ‘a faccia janca, colma di stupore,

di sorpresa, di rabbia, di dolore,

‘o pate ha sobbalzato, e, con violena

è esploso: " Ma che me staie ricènno,

ca io tengo ‘nu figlio omosessuale?"

 

"Papà, lo so ca chesto te dispiace,

ma ‘e fèmmene me sono indifferenti...

Se sono attratto dal mio stesso sesso,

così mi hai fatto, che ce pozzo fa'?"

Dduje buffettune, e po' ha sbattuta ‘a porta

e mò, stravolto, mentre ca cammina

tène ‘int' ‘a mente ‘nu penziero niro

e ‘mmano ‘nu curtiello - " ‘O spacco ‘o core,

io ‘nu figlio accussì nun ‘o supporto,

io l'accìro..." - Ma fore a ‘nu purtone

vede ‘na folla e sente: "Puveriello...

Era drogato... è muorto... un'overdose!"

 

La visione ‘e ‘stu dramma ‘o fa' riflettere,

pensa ca ‘o figlio nun è malamente

e nun l'ha mai macato di rispetto,

ca nun s'è mai drogato, ca ‘o vo' bbene...

Che colpa tene siè nato differente?

 

Ripiglia ‘a via d' ‘a casa, tristemente,

ma cu ‘a mente cchiù calma. Stà penzanno

che la Natura, ‘e vvote, se scapriccia

e coi suoi errori ce fà ‘ntusseca',

è ingiusto, è triste... ma l'hadda accetta',

s'è convinto ca ‘o figlio non ne ha colpa

e ha bisogno di lui, l'hadda aiuta'...

 

Quando ha visto llà ‘nterra chillu strazio

ha capito che il vero dramma è ‘a droga

ca distrugge ‘e famiglie e ‘a società!

 

 

Il palinsesto di oggi