L'Articolo

Disordini hooligans in Francia: carcere per tre russi, 20 espulsi

17-06-2016

Tre hooligan russi, di età compresa tra 28 e 33 anni, sono stati condannati a 12, 18 e 24 mesi di prigione senza condizionale, più due anni di divieto d'ingresso nel territorio francese, per aver partecipato ai violenti scontri di sabato a Marsiglia. I tre facevano parte del gruppo di 43 tifosi fermati martedì all'uscita del loro hotel a Mandelieu-la-Napoule, vicino a Cannes, mentre stavano per partire per Lille. Tra gli altri componenti del gruppo, 20 saranno espulsi e 20 sono stati rimessi in libertà.

Esplosioni, scontri e tafferugli: Lille ancora sotto assedio dei tifosi. Non si ferma la furia degli hooligan agli europei di calcio: l'ultimatum con minaccia di espulsione della nazionale russa in caso di nuovi incidenti non ha rappresentato un freno perché al termine della gara tra Russia e Slovacchia, ampiamente indicata col bollino rosso, la città francese è stata di nuovo oggetto di tafferugli. A fine giornata si contano 36 ultrà arrestati e 16 feriti con la tensione alle stelle sull'asse Mosca-Parigi: il Cremlino infatti non ha gradito l'arresto dei tifosi russi e ha convocato l'ambasciatore francese a Mosca. Lille già due giorni fa aveva assistito agli incidenti tra tifosi inglesi, di passaggio in città verso Lens, che dista una quarantina di km, dove oggi si gioca Inghilterra-Galles: scontri che avevano portato a sette arresti. Dopo il match il copione si ripete: sono state avvertite esplosioni in Place des Reignaux, dove c'è stato un fitto lancio di bottiglie e numerose auto sono state danneggiate dagli ultrà russi. Circa 200 tifosi inglesi ha iniziato a intonare cori di scherno sempre nei pressi della stazione contro i russi e la polizia è dovuta intervenire operando nuovi arresti. Intanto spunta un video sugli incidenti di ieri dove si vedono ultrà umiliare dei mendicanti. 

Nella Francia ancora alle prese con la minaccia terroristica scoppia dunque l'incidente diplomatico tra Cremlino ed Eliseo. La Russia protesta sostenendo di non essere stata informata dell'operazione di polizia che ha portato al fermo di alcuni bus di tifosi. L'ambasciatore francese in Russia, Jean-Maurice Ripert, è stato convocato dal ministero degli Esteri russo per la detenzione, due giorni fa, di un gruppo di tifosi russi diretto da Marsiglia a Lille per assistere alla partita con la Slovacchia. Lavrov, pur definendo "inammissibile" il comportamento di alcuni tifosi russi, ha definito "inaccettabile" il fermo a cui è stato sottoposto il bus con a bordo i tifosi nei pressi di Nizza. "Le autorità francesi - ha aggiunto - hanno agito contro le loro responsabilità stabilite dalla convenzione di Vienna". Una nota scritta è stata al ministro degli Esteri francese "chiedendo che tali violazioni non si ripetano più". Il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, dice di augurarsi che la Uefa sia equa nel giudicare tutti i gruppi responsabili delle violenze tra tifosi ai campionati europei di calcio in Francia. "Speriamo che il campionato vada avanti senza alcun incidente - ha detto Peskov - e speriamo anche che ci sarà un trattamento equo nel corso delle indagini su tutti gli incidenti". Dopo i tafferugli di due giorni fa vicino alla stazione a Lille nessun problema ieri in occasione del match tra Russia e Slovacchia, le due tifoserie hanno anzi fraternizzato percorrendo insieme le strade del Villeneuve d'Ascq, zona a dieci minuti a piedi dallo stadio. A vigilare sull'afflusso dei tifosi allo stadio di Lille c'erano le forze di sicurezza francesi con una quindicina di veicoli in fila lungo la strada principale. Dopo i nuovi incidenti di ieri la tensione Mosca-Parigi rischia di salire ancora nei prossimi giorni. Mentre la nazionale russa, dopo il ko con Hamsik e compagni, più dell'espulsione rischia già la qualificazione.

La prefettura delle Bouches-du-Rhone, la regione di Marsiglia, ha annunciato di aver firmato ordini di espulsione dalla Francia per 20 hooligan russi, fermati martedì all'uscita del loro hotel a Mandelieu-la-Napoule, presso Cannes. I tifosi, tutti uomini tra i 25 e i 40 anni, sono stati riconosciuti come partecipanti alla rissa scoppiata sabato in centro a Marsiglia, che ha fatto 35 feriti, tra cui un supporter inglese ancora in condizioni "molto gravi". I 20 si trovano ora nel centro di detenzione amministrativo del Canet, a Marsiglia, e lasceranno la Francia lunedì.

Uefa, 'polizia rapida a Lille, tutto sotto controllo' - ''L'Uefa si rammarica per gli incidenti verificatisi ieri a Lille. Le forze di polizia hanno ristabilito la normalità velocemente, effettuando molti arresti e mantenendo la situazione sotto controllo''. E' questo il testo di una dichiarazione all'Ansa dell'Uefa sui fatti accaduti ieri a Lille.

Il palinsesto di oggi